Approfondimento
Malattie autoimmuni e rischi cardiovascolari

Malattie autoimmuni e rischi cardiovascolari

Fare diagnosi precoce con qualche esame in più costituisce un risparmio? Sì, serve, per esempio, a prevenire gravi patologie cardiovascolari nei pazienti che soffrono di malattie autoimmuni.Il ruolo dei test per la ricerca degli Anticorpi Anti-Nucleo (ANA) e del Fattore Reumatoide (RA test )

Il Servizio Sanitario si prefigge, come missione, quella di tutelare la salute dei cittadini e della collettività: in sostanza, quindi, la prevenzione è fondamentale per ridurre l’incidenza delle malattie ed i costi sostenuti per curarle. La questione è però delicata perché per prevenire spesso è necessario ricorrere ad esami apparentemente inutili, che danno esiti in spesso negativi e a volte anche poco predittivi. In termini tecnici, quindi, rappresentano una spesa a fronte di un beneficio limitato nei numeri, almeno in apparenza. Per questo, il Servizio Sanitario tende a non farsene carico ed i Medici a non prescriverli . La conseguenza è che i pazienti non saranno a conoscenza di rischi cardiovascolari importanti.
Conoscere il rischio equivale a prevenire: pertanto, il rapporto costo-beneficio non va calcolato sul test ma, più a lungo termine, sulle spese sanitarie risparmiate grazie alla possibilita’ di impostare tempestivamente una terapia, prima che la patologia degeneri in situazioni più complicate. Un discorso difficile, per specialisti, ma con ricadute che possono riguardare ciascuno di noi.
Il professor Ferraccioli, Reumatologo e Internista al Policlinico Città di Udine, ha pubblicato uno studio sulla Rivista Autoimmunity Reviews : la conclusione è che esiste una necessità reale di fare prevenzione nei pazienti portatori di positività per i piu’ comuni autoanticorpi RA test ed ANA. L’individuazione di autoanticorpi (cioè anticorpi che aggrediscono non agenti esterni, come microbi e virus, ma parti del nostro stesso organismo) è oggi possibile grazie ad esami di laboratorio che, come per il Colesterolo e la Glicemia, danno informazioni molto utili per la Medicina Preventiva. Tale tipo di indagine laboratoristica è oggi uno dei più importanti strumenti di cui si avvale il Reumatologo-Internista. Studi epidemiologici dimostrano in maniera inequivocabile che il rischio di angina, di infarto del miocardio, di ictus (tutte patologie gravi, invalidanti, lunghe e costose da curare) aumenta in pazienti che presentano positivita’ ANA e RA test, anche senza avere sviluppato LES, Artrite Reumatoide (AR), o Sindrome di Sjogren (pSS) cioè malattie autoimmuni piuttosto frequenti. I dati epidemiologici ci dicono anche che il rischio cardiovascolare (RCV) se il paziente poi sviluppa Artrite Reumatoide e’ identico a quello del diabete tipo 2, e che quello del LES e’ identico a quello del diabete tipo 1. Bisogna pertanto individuare tutti i casi nei quali può sussistere un problema di autoimmunità, ricorrendo appunto ai test che vanno a cercare gli autoanticorpi che un organismo produce, in tutti i casi in cui il Reumatologo-Internista  possa sospettarne la presenza sulla base della propria valutazione clinica. Occorre ricordare che, anche in medicina, vige il principio secondo cui una spesa iniziale può rappresentare un investimento che alla fine si traduce in un risparmio. Senza poi considerare gli aspetti umani e sociali di una mancata tempestiva diagnosi, visto che la sanità non può essere ridotta a mero calcolo economico. In fondo, la salute è un valore contemplato perfino dalla nostra Costituzione: a tutela della persona, e della collettività.

Referenze utili.1. Tellides G, Pober JS. Inflammatory and immune responses in the arterial mediaCirc Res. 2015 ;116:312-22.2. Ferraccioli G, Alivernini S, Tolusso B, Gremese E: Should Rheumatoid Factor(RF) and antinuclear antibodies (ANA) become routinary screening test for morbidities in the general population ? From the concept of “ bening autoimmunity” to rthe concept of “ autoimmunity as a red flag in preventive medicine “ Autoimmunity Reviews Apr.8 , S1568, 20183. Peters MJ, van Halm VP, Voskuyl AE, Smulders YM, Boers M, Lems WF, Visser M, Stehouwer CD, Dekker JM, Nijpels G, Heine R, Dijkmans BA, Nurmohamed MT.Does rheumatoid arthritis equal diabetes mellitus as an independent risk factor for cardiovascular disease? A prospective study. Arthritis Care Res. 2009;61:1571-9.4. Koenig KF, Ribi C, Radosavac M, Zulewski H, Trendelenburg M; Swiss SLE cohort study (SSCS). Prevalence of vascular disease in systemic lupus erythematosus compared with type-1 diabetes mellitus: a cross-sectional study of two cohorts. Lupus. 2015;24:58-65.5. Mackey RH, Kuller LH, Deane KD, Walitt BT, Chang YF, Holers VM, Robinson WH, Tracy RP, Hlatky MA, Eaton C, Liu S, Freiberg MS, Birru Talabi M, Schelbert EB, Moreland LW. Rheumatoid arthritis, anti-CCP positivity, and cardiovascular disease risk in the Women's Health Initiative. Arthritis Rheumatol. 2015, 67: 2311-226. del Puente A, Knowler WC, Pettitt DJ, Bennett PH. The incidence of rheumatoid arthritis is predicted by rheumatoid factor titer in a longitudinal population study. Arthritis Rheum. 1988;31:1239-44.7. Nielsen SF, Bojesen SE, Schnohr P, Nordestgaard BG. Elevated rheumatoid factor and long term risk of rheumatoid arthritis: a prospective cohort study. BMJ. 2012 Sep 6; 345:e52448. Liao KP, Gunnarsson M, Källberg H, Ding B, Plenge RM, Padyukov L, Karlson EW, Klareskog L, Askling J, Alfredsson L. Specific association of type 1 diabetes mellitus with anti-cyclic citrullinated peptide-positive rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum. 2009;60:653-60. 9. Mantel Ä, Holmqvist M, Nyberg F, Tornling G, Frisell T, Alfredsson L, Askling J.Risk factors for the rapid risk increase of acute coronary events in patients with new-onset rheumatoid arthritis: A nested case-control study. Arthritis Rheumatol. 2015 Jul 2. 10. Tomasson G,Aspelund T, Jonsson T,Valdimarsson H, Felson DT, and Gudnason V   Effect of rheumatoid factor on mortality and coronary heart disease Ann.Rheum.Dis.2010 ; 69: 1649–165411. Edwards C J, Syddall H, Goswami R, Goswami P, Dennison E M, Arden N K, C Cooper, on behalf of the Hertfordshire Cohort Study Group: The autoantibody rheumatoid factor may be an independent risk factor for ischaemic heart disease in men. Heart 2007;93:1263–1267.12. Wandstrat AE, Carr-Johnson F, Branch V, Gray H, Fairhurst AM, Reimold A, Karp D, Wakeland EK, Olsen NJ. Autoimmunity profiling to identify individuals at risk for SLE. J Autoimmun. 2006; 27:153-6013. Solow EB, Vongpatanasin W, Skaug B, Karp DR, Ayers C, de Lemos JA.Antinuclear Antibodies Are Associated With All-Cause Mortality and Cardiovascular Outcomes in the General Population. J Am Coll Cardiol. 2015;65:2669-7014. Pertovaara M, Kahonen M, Juonala M, et al. Autoimmunity and atherosclerosis:the presence of antinuclear antibodies is associated with decreasedcarotid elasticity in young women. The Cardiovascular Risk in Young FinnsStudy. Rheumatology (Oxford) 2009;48:1553–6.15. Liang KP, Kremers HM, Crowson CS, Snyder MR, Thernau TM,Roger VL, Gabriel SE. Autoantibodies and the risk of cardiovascular events. J Rheumatol 2009;36 : 2462–9.16. McMahon M, Skaggs B. Pathogenesis and treatment of atherosclerosis in lupus.Rheum Dis Clin North Am. 2014;40:475-9517.Van Doornum S, Bohensky M, Tacey MA, Brand CA, Sundararajan V, Wicks IP.Increased 30-day and 1-year mortality rates and lower coronary revascularisation rates following acute myocardial infarction in patients with autoimmune rheumatic disease. Arthritis Res Ther. 2015 ;17:3818. Kelly CA, Saravanan V, Nisar M, Arthanari S, Woodhead FA, Price-Forbes AN, Dawson J, Sathi N, Ahmad Y, Koduri G, Young A; British Rheumatoid Interstitial Lung (BRILL) Network. Rheumatoid arthritis-related interstitial lung disease: associations, prognostic factors and physiological and radiological characteristics--a large multicentre UK study. Rheumatology (Oxford). 2014;53:1676-82. 19. Bauer PR, Kalra S, Osborn TG, St Sauver J, Hanson AC, Schroeder DR, Ryu JH.Influence of autoimmune biomarkers on interstitial lung diseases: A tertiary referral center based case-control study. Respir Med. 2015;109:397-40520. Meyer-Olesen CL, Nielsen SF, Nordestgaard BG. Increased rheumatoid factor and deep venous thrombosis: 2 cohort studies of 54628 individuals from the general population. Clin Chem. 2015;61:349-59

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la
cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto